Google: “Abbiamo raggiunto la supremazia quantistica”. Cosa cambia adesso.

l processore Sycomore ha svolto in 300 secondi un’operazione impossibile per altri computer. Alcuni scienziati hanno paragonato la svolta al primo volo dei fratelli Wright.

“Una pietra miliare paragonabile al primo volo dei fratelli Wright”. Così alcuni scienziati hanno accolto l’annuncio di Google del raggiungimento della cosiddetta “supremazia quantistica”. Il processore Sycomore, un device costruito da Mountain View, è stato infatti in grado di compiere in 200 secondi un’operazione che altri supercomputer all’avanguardia avrebbero impiegato più di 10mila anni a realizzare. I risultati dello studio sono stati pubblicati su Nature.

Cosa cambia adesso

Il quantum computing potrebbe portare a enormi passi avanti in campi come l’intelligenza artificiale. Ma potrebbe anche distruggere la crittografia dei computer fondamentali per la sicurezza nazionale. Per questo è un settore chiave in cui anche la Cina sta investendo milioni di dollari. Negli Usa, da anni, giganti dell’informatica come Intel, Microsoft e Ibm competono nella “quantum supremacy”. E proprio da Ibm, tra l’altro, sono arrivate, tra l’altro, critiche all’annuncio di Google.