Quando e come misurare la pressione

Condividi la notizia.-

Quando e come misurare la pressione

Attenzione al fai da te. Ogni anno, nelle persone sane, un controllo della pressione va fatto dal medico

Solo il medico può definire se una persona soffre di ipertensione e, sulla scorta delle sue condizioni generali, dell’età e dell’eventuale presenza di altri fattori di rischio cardiovascolari, è in grado di definire l’approccio terapeutico specifico per ogni singolo caso. Non è sufficiente il riscontro di una pressione elevata occasionalmente per parlare di ipertensione, ma sono necessarie ripetute misurazioni in condizioni ottimali. La valutazione andrebbe infatti eseguita nello studio medico a riposo (lo sforzo, così come lo stress, influisce sulla pressione), ricordando anche che i valori pressori tendono a salire durante la giornata e ad abbassarsi la notte.

Le nuove linee guida americane propongono sei diversi passi fondamentali per misurare correttamente la pressione, oltre a consigliare ai sanitari l’impiego di strumenti specifici (in particolare si riferiscono alle dimensioni del manicotto che si stringe sul braccio) in base alla struttura fisica del paziente.

  1. Il paziente va adeguatamente preparato, facendo passare un certo tempo prima della misurazione per rilassare la persona.
  2. Occorre che il medico impieghi sempre strumenti adeguati, a partire dalla misura del manicotto.
  3. È fondamentale che la misurazione pressoria non sia l’unico elemento da valutare, ma venga inquadrata nelle condizioni generali del paziente e nella situazione di rischio cardiovascolare.
  4. Occorre mantenere memorie, sia per il paziente che per il medico, dell’andamento dei valori pressori.
  5. Non ci si deve mai basare su un’unica misurazione: solo facendo una media dei valori riscontrati in diverse occasioni si può avere un quadro preciso della situazione.
  6. Il paziente deve sempre essere informato sull’evoluzione del quadro.

Livelli di pressione sanguigna

Utilizzando il sesso e l’età come indicatori, possiamo stabilire alcuni modelli di riferimento generali dei livelli di pressione sanguigna nelle persone sane.
Sia la pressione sistolica che quella diastolica sono indicate come segue:

120/70
dove 120 corrisponde alla pressione sistolica o pressione alta e 70 corrisponde alla pressione diastolica o pressione bassa. L’unità di misura della pressione sanguigna è mmHg.

Nelle donne in base all’ età, i valori normali della pressione sanguigna sono:

Fino a 20 anni: 116/72
20 – 30 anni: 120/75
30 – 40 anni: 137/84
40 – 50 anni: 137/84
50 – 60 anni: 144/85
Più di 70 anni: 159/85

Negli uomini i valori sono i seguenti:

Fino a 20 anni: 123/76
20 – 30 anni: 126/79
30 – 40 anni: 129/81
40 – 50 anni: 135/83
50 – 60 anni: 142/85
Più di 70 anni: 142/80

I valori superiori o inferiori a quelli stabiliti, sono considerati patologici. In questi casi, è consigliabile richiedere assistenza medica ed effettuare esami più approfonditi per diagnosticare o escludere eventuali malattie cardiovascolari.

 

Hits: 105

Commenta la notizia...

Copy Paste blocker plugin by jaspreetchahal.org